Andando a tempo, il mio.

Andando a tempo, il mio.

Il tempo di una fine non ha misura.
Il mio l’ho allargato per anni, tirandolo quì e là, tra sorrisi incollati con le puntine e biscotti con la glassa, a forma di cuore.
Il tuo stava tra il primo ed il secondo, tra il sale, il fischio dell’arbitro e quelle nuvole stupefacenti che non vedevi.
Il tempo di una fine non si misura.
Un anno, due, tre, quattro. Un anno e un giorno, due, tre, quattro. O forse 10 anni, tre ore e 10 secondi. 10 secondi, un tempo inaccettabilmente lungo.
Il tuo pareva stare per aria a gridare offeso, sospeso, in stallo.
Il tempo di una fine non si pesa.
Eppure il mio pesava di chiavi dimenticate, vocabolari spessi di parole da riscoprire e coperte in cui stare avvolta per non sentire freddo.
Il tuo pesava di silenzi e di strati e strati di arroganza sopra cui ti arroccavi.
Il tempo di una fine non ha una forma ma il mio ha quella di una panchina, di una pista da sci, dei 12centimetri dei miei tacchi, di una porta chiusa, ancora.

La forma della mia schiena e dei miei fianchi, in fondo alle scale mentre vado via.

Il tempo di una fine culla il tempo che ci resta, lo lib(e)ra.

(Dalì è un viaggio che cambia assieme a noi, il mio è passato attraverso le sue tele partendo, in un gelido novembre 2004, da Venezia – Palazzo Grassi)

Annunci

11 thoughts on “Andando a tempo, il mio.

  1. Dalì, meraviglia delle meraviglie, follia e razionalità… il tempo, questa costruzione surrealista, qualcosa come l’incipit vertiginoso di un racconto africano: “al tempo di quando non c’era il tempo”!

    Mi piace

  2. e il tempo da dopo aver sceso le scale ad oggi che forma ha avuto? Perché in fondo quello fino a lì è solo sabbia in fondo ad una clessidra.

    E, tanto per saperlo, come si sta dopo una intera giornata sopra un tacco 12?

    Mi piace

    • Bella domanda Amanda…
      Il tempo, uscita dal portone, con figli e bagagli ha la forma in continua formazione delle onde che si infrangono sulla battigia.
      Poco, tanto. Boh! … in movimento, libero!

      Ps: sui tacchi allora ci stavo come uno scienziatopazzo che armeggia tra alambicchi strampalati 😉

      Mi piace

  3. Se mi curo del tempo mi beffa, mentre lo penso se ne scappa via pesante. A giorni me lo porto sulla schiena, a giorni me lo cavalco. Una cosa è sicura, quello passato non è mai buttato via, ci vuole il tempo che ci vuole… per dar valore al tempo.
    p.s. Dobbiamo raccontarci un po di cose, non ti pare?!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...