Appunti di viaggio, a piedi scalzi

Margherita si era fermata a pensare, seguendo il profilo di uno steccato che la separava dall’intuizione.

Forse stando immobile credeva anche di sviare la caduta della massa di lacrime che premevano partendo dal suo ombelico, sta di fatto che stando immobile continuava, ammaliata, a seguire il profilo di quello steccato.

L’aria le pareva lisa, come quella che aveva respirato in certe sale d’attesa, lisa e fredda, perchè le due cose vanno sempre in coppia.

Al di la dello steccato aveva scorso una figura, una donna, incrociò forse per uno zot di tempo il suo sguardo e all’improvviso, si incrinò qualcosa, uno scricchiolio lievissimo ed i suoi occhi scoppiarono in un orgasmo di lacrime. Corse a cercare degli asciugamani, una felpa, strappò una tenda, le tentò tutte ma il richiamo archetipico dell’acqua la stava attraversando e non c’era nulla che riusciva a fermare il mare di lacrime in cui si trovava ormai immersa fino alle ginocchia.

Sfinita si abbandonò ed non aveva piu’ chiaro quale fosse il luogo in cui si trovava ma scivolò in un qualcosa che la conteneva, lasciandole prendere la forma che desiderava, si sentiva avvolta ma nel contempo liberata libera. Lieve, si lasciò galleggiare cullata dal movimento delicatamente ritmico che percepiva coi sensi anche se non era nemmeno in grado di distinguere quale dei 5 fosse poi  sentì arrivare, da un punto inesprimibile al centro del Regno del Non Si SaCome un ricordo, le parole che le diceva sua mamma quando la vedeva piangere “vergognati! eccola che non sa da dove fare la pipì!!!“.

E così tutta sta costruzione va bellamente a farsi fottere e torno io, me medesima in punta di penna (Augh!!!).

Pensavo a come siano complessi i percorsi di ognuno per scoprire tutte le tessere del proprio mosaico, per ritrovarsi autentici, riconoscendosi.

Pensavo a come per me questo percorso abbia significato scendere dall’apparentemente comodo piedistallo di PrincipessaPerbene ed attraversare paludi a piedi scalzi, rubare cavalli per scippare un frutto da un albero, trovarmi davanti a specchi con la persona sbagliata,  stare seduta sui lampadari per guardare dall’alto se la tavola era apparecchiata bene e smettere per un pochino di apparecchiarla, alzare la voce decisa e dura come in un film anni 50 in bianco e nero, sorridere di un’entusiastica espressione di approvazione di un camionista, indossare alla prima uscita un abito aderente (maculato!) sfidando gli oddionoooocosapenseràdimeeee, scrivere questo post in prima persona.

Pensavo a come  scendere dal piedistallo abbia rimesso in moto in me una infinita varietà di emozioni, pensavo a come sulle prime ho cercato di riguadagnarmi il mio bel piedistallo, sotto la spinta di Messer Paura e Sua Signoria NonCeLaPossoFare.

Pensavo a quanto amore ho avuto in dono, agli affetti piu’ cari, a chi mi ha sostenuta, presa a spintoni, ispirata, fatta arrabbiare, consolata, abbracciato forte. A chi ha condiviso con me i suoi pensieri, le paure, i progetti, i tradimenti, le scoperte, gli incontri, le prove sbagliate che qualcuno chiama ancora errori, le gioie, le tavole imbandite o i letti grigi di un ospedale facendomi sentire parte di questo pianeta. Amata.

Pensavo alle parole che amo: scoprire e condividere.

Ed a quelle a cui ho tolto “potere”: vergogna e paura.

Pensavo a me, all’acqua ed alla stupefacente autenticità che possono riflettere certi specchi.

Annunci

9 thoughts on “Appunti di viaggio, a piedi scalzi

  1. Che lettrice raffinata! Mi sono armata di vocabolario per cercare la parola “stilita”, dall’ignoranza non si guarisce mai 🙂
    Grazie Amanda, il fatto é che stanca quando riesci a staccarti un pò da te stessa e ti osservi con occhi nuovi.
    A volte accade, per fortuna, inciampo o destino…

    Mi piace

  2. Bello leggerti, bello che tu non nasconda il refuso, l’errore, dunque ci renda partecipi dei tuoi processi creativi, del tuo ripensamento. L’atto creativo è persino più importante del prodotto finito, che in fin dei conti ne decreta la fine. Creiamo sin quando non abbiamo finito, se invece continuiamo a creare, continuiamo a tasformarci, ad evolverci a rimeterci in discussione, disponiamo della pila infinita, d’una carica permanente. Chi insegue una propria dimensione chiavi in mano, il modello preordinato, si felicità della propria condzione asfittica. Bello invece essere realisti, desiderando l’impossibile, spostando il traguardo sempre un po’ più avanti, senza la fretta di raggiungerlo, sapendo che non è indispensabile tagliarlo, ma dimporta isegnare le traiettorie nuove, dove la velocità non è indispensabile, giacché cancella l’emozione del dettaglio!

    Mi piace

    • Caro Giò, il senso del nostro passaggio su questo pianeta é proprio nelle tue ultime righe. É la nostra stessa vita, le traiettorie, i percorsi che scegliamo ed i luoghi (e non luoghi) in cui decidiamo di sostare.
      Che poi é il viaggio la parte più bella e densa di contenuti, stimoli, suggestioni…il traguardo é “solo’ il punto del mondo in un tempo sconosciuto in cui piazzeremo la nostra bandierina della “fine” sul tetto del mondo.

      Mi piace

  3. Parole, tante parole vengono in mente a leggere questo post, come al solito eh, come al solito, naturalmente. Solo che questa volta, non so, le parole che sono corse fuori, come spesso mi accade, soprattutto in casi specifici, si sono bloccate prima dell’uscita, come incastrate. Ogni parola sarebbe soverchia (tanto per non lasciare sola amanda a scrivere parole difficili), diciamo così.

    Mi piace

  4. Un testo molto bello, prima e dopo il “turning point”, il punto di svolta della pipì, che mi ha ricordato tanto la mia piccola che proprio in questi giorni prova a vivere senza pannolino e si mortifica a ogni pipì lasciata sul pavimento, su un tavolo, su una sedia o sulle ginocchia di papà…

    (A proposito di refusi, al brimo rigo della stessa frase di libera/*liberata ti è scappato un *ed che voleva essere un più stringato “e”. E questo è tutto, per il momento.)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...